Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

“Ibis, redibis non morieris in bello”

Se si ricerca nel web: “frase celebre della sibilla cumana”, viene fuori in Wikipedia.org che la frase latina “ibis, redibis non morieris in bello” è il responso dato dalla Sibilla ad un soldato andato a consultarla e, come tutti i responsi oracolari, è volutamente ambigua ("sibillina", appunto), offrendo una duplice interpretazione, a seconda di come si vuole usare la punteggiatura. Se, infatti, si pone una virgola prima di "non" (ibis, redibis, non morieris in bello), il significato del responso è "andrai, ritornerai e non morirai in guerra", e prefigura un esito positivo della missione. Se, invece, la virgola è spostata dopo la negazione (ibis, redibis non, morieris in bello), il senso è sovvertito nel suo contrario: "andrai, non ritornerai e morirai in guerra". Nel caso si tratta di articolazioni interpretative correlate a forme raffinate di scrittura. In argomento si osserva invece come scritti di taluni critici contemporanei – o presunti tali…

Ultimi post

“Non so quanto a voi ma può anche capitare"

"Insomma, le foto riescono a strappare il presente dal passato e proiettarlo in un futuro perenne che si riproduce continuamente ad ogni sguardo" (P.T.)

“The Dark Side of the Moon”

L'infinita spazialità offerta dalla fotografia.

Purtroppo, l’avvento del digitale ci ha disabituati all’attenta osservazione della scena da fotografare.

Lo scatto è un operazione ponderata che tanto meglio riesce quanto più chiara è la visione di ciò che vogliamo ottenere.

Il mio rapporto con la post-produzione è molto controverso.

Il discorso della post-produzione è molto complesso... gli "stolti" si riconoscono!!

“Postproduzione” ….. per taluni una pratica un po’ sconosciuta.

Una lettura di portfolio è, in buona sostanza, una relazione che attende una relazione affinchè nasca una relazione.